Mobile e WhatsApp: 335 6532581

Affitti estivi e vacanze…le tendenze che cambiano tra hotel e appartamento

By MarcozziCostruzioni on 19 aprile 2018 in Appartamenti in affitto a Cupra Marittima
0
0

Appartamento in affitto o stanza d’albergo?

E’ una domanda sovente in un mondo moderno: prendiamo un appartamento in affitto o prenotiamo una stanza in hotel?

Siamo nel 2018 e arriva la nostra “nuova” estate. Cosa c’è di nuovo? Beh diremmo il clima. Esso è in continua evoluzione, cambiamento. Negli anni tutto si muove così come le abitudini dei vacanzieri. negli anni ’60, ’70, ’80 e potremmo aggiungere anche i ’90, le abitudini erano le stesse:

  • Lavoro in inverno fino a dicembre
  • Settimana bianca tra dicembre e gennaio
  • Vacanze estive d’estate (con maggiore concentrazione ad agosto soprattutto a cavallo tra il 10 e il 20 con ferragosto d’obbligo)

L’affitto di una casa al mare era di moda, ma stare nel periodo estivo nella casa in luogo di mare con la famiglia si poteva definire come una residenza estiva. Diverso invece era il periodo di ferie dedicato proprio alle ferie nel quale si sceglieva una destinazione per passare le vacanze e divertirsi, stare in spiaggia, mangiare fritture negli chalet o ristoranti di pesce, fare tardi la sera.

Ma cosa è cambiato veramente in circa cinquant’anni? Si può fare subito un ragionamento con 3 punti di domanda, fondamentali:

  1. In seguito alla crisi economica, ci sono meno soldi e le persone preferiscono prendere in affitto una casa?
  2. Girano più soldi per minor numero di persone e quindi si sceglie l’hotel?
  3. C’è minor formalità e libertà degli individui tanto da renderli più moderni in appartamento?

Le risposte sono molteplici, ma cerchiamo di darne una che sia completa: oggi ogni hotel ha una sua identità specifica, cioè può essere:

  • bed and breakfast o 2,3,4,5 stelle
  • avere stanze “normali”, “economy”, “superior” etc.
  • offrire pochi o molti servizi
  • essere in centro o vicino al mare
  • offrire servizio di pernottamento e colazione o mezza pensione o pensione completa

Insomma sono molteplici i punti da valutare, ma si può scegliere. E la scelta può essere di natura economica o per la comodità dei servizi offerti. Quindi è giusto dire che la differenza tra affitto in appartamento o pernottamento in stanza di hotel è diventata puramente una preferenza a seconda di come è fatto l’individuo e il nucleo familiare che fa la scelta.

Noi siamo qui sulla Riviera delle Palme che si svolge sulla bella costa Adriatica e le cittadine chiamiamole del sud di questa costa sono San benedetto del Tronto, Grottammare e Cupra Marittima. Già se saliamo verso Pedaso siamo nel territorio fermano. E non dico che cambia la mentalità ma è plausibile.

Quindi sorge un’altra domanda: “Dipende dall’individuo e dal retaggio culturale?”

Ogni bagaglio culturale ha nel suo immaginario interno delle abitudini, ciascuno di noi affronta la vacanza estiva come lo hanno fatto i suoi precedessori o genitori e, se cambia modo di viverla, lo fa radicalmente. Ciò significa che tutto dipende da come siamo diventati noi e non più profondamente da come abbiamo vissuto prima. Quindi anche qui il retaggio culturale c’entra fino ad un certo punto.

Se prendiamo San Benedetto, vediamo delle differenze da Grottammare e da Cupra. Ogni luogo ha le sue abitudini.

Andare in affitto in appartamento è una moda e a volte è più costoso dell’hotel. Questa considerazione potrebbe sembrare assurda, ma se si va in affitto in coppia in un immobile da 4 o 5 persone, si rischia di spendere di più che se si andasse in albergo.

Prendere in affitto un appartamento potrebbe essere associato a coloro che hanno più voglia di fare tipo escursioni, bicicletta, corsa. Andare in hotel è più da relax.

About the Author

MarcozziCostruzioniView all posts by MarcozziCostruzioni

0 Comments

Add comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*